Sciolto Ncd, nasce Alternativa Popolare

nasce alternativa popolare

Noi siamo alternativi ai lepenisti, alla sinistra dell’indietro tutto, a chi ha in mente solo la ruspa, a chi dice no, a chi non ha cura della Repubblica.

Con questo parole il Ministro degli esteri Angelino Alfano ha dato il via allo scioglimento del Nuovo Centrodestra si scioglie e alla nascita, sancita durante l’Assemblea Nazionale di Ncd di Roma, di un nuovo partito, Alternativa Popolare, una “alternativa offerta ai liberali e moderati”.

Saremo il voto per l’Italia, noi siamo il movimento politico che in Italia difende l’Europa, -ha detto Alfano durante l’assemblea. Noi difenderemo l’Italia e gli italiani”, visto che l’uscita dall’Ue sarebbe “un pessimo affare per l’Italia e gli italiani. Noi viviamo nell’emisfero di chi l’Europa la vuole cambiare. Vogliamo favorire l’incontro senza voler guidare la creatura finale. Il metodo che noi proponiamo è uniamoci e poi sia il popolo con delle primarie a scegliere il leader di un raggruppamento liberal-popolare. È un metodo democratico. Proponiamo primarie non solo per il leader ma anche per i parlamentari.

Andiamo avanti da soli”, ha poi proseguito il Ministro. “Saranno gli altri a cercarci perché non avranno i numeri per governare e noi diremo questo è il nostro programma oppure la maggioranza ve la cercate con i radicali”.

Intanto sono partite già le prime prese in giro e le prime polemiche. Un carro funebre con tanto di necrologio e becchino: è così che l’ex Iena oggi co-conduttore del programma di Raidue “Nemo” Enrico Lucci, ha commemorato lo scioglimento di Ncd e la sua trasformazione in Alternativa Popolare.

Il carro è giunto fino all’ingresso del centro Roma eventi per poi essere allontanato per motivi di sicurezza. E il necrologio, tutto all’insegna dell’ironia, recita: “Oggi 18 marzo 2017 è morto Ncd. Ne dà il triste annuncio il ministro Angelino Alfano. L’Italia intera disperatamente senza guida piange la dipartita per il pilastro della Democrazia e del buon governo”.

Come membro della commissione di Vigilanza Rai chiedo se corrisponda al concetto di servizio pubblico la pantomima goliardica messa in scena da Enrico Lucci di Nemo: un carro funebre guidato da un becchino e trainato da un cavallo con su la bara di Ncd. Chiedo se i soldi dei cittadini a questo servano: a noleggiare un cavallo un carro e un becchino. Questa sì mi sembrerebbe la morte del servizio pubblico”: così il capogruppo alla Camera Maurizio Lupi annunciando provvedimenti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*